I movimenti finalizzati

 

12193384_739971046106909_4889416267821370827_n.jpg

Alcune ricerche  di Meltzoff (Meltzoff & Moore, 1997; Meltzoff & Prinz, 2002)

mostrano come già dopo poche ore di vita il neonato sia in grado di imitare

alcune espressioni del viso del ricercatore evidenziando un comportamento

imitativo innato.

Applicata, in un contesto pratico, questa naturale predisposizione,

il presente elaborato si prefigge di delineare, seppur nei limiti , alcune metodologie didattiche per l’insegnamento della tecnica motoria in ambito sportivo.

L’apprendimento della tecnica motoria sarebbe la base di una piramide il cui vertice può sfociare nel professionismo dello sport o più semplicemente nell’acquisizione di un bagaglio motorio utile ad affrontare le normali attività sociali quotidiane.

La mancanza di spazi e tempi riservati al gioco libero dei bambini, in cui un tempo era possibile sviluppare la propria competenza motoria, sono stati oggi, surrogati da attività  codificate che prendono il nome di attività sportive.

La mancanza  delle esperienze motorie porterebbe  ad un restringimento del

patrimonio motorio.

E’ in questo contesto che si dovrebbero  pensare interventi mirati e didatticamente appropriati tesi allo sviluppo equilibrato delle capacità motorie.

Il presente lavoro non ha la presunzione di esaurire l’enorme complessità riguardo

l’apprendimento motorio ma, più modestamente, di proporre una serie di

“consigli” basati sulle recenti scoperte sul funzionamento del cervello.

 dipendono

dalla conoscenza della disposizione del corpo nello spazio, dall’obiettivo

dell’azione, dalla selezione di un piano per raggiungere l’obiettivo, dalla memoria

ed infine dalla programmazione dei singoli movimenti.

BIBLIOGRAFIA
Marco Iacoboni, I Neuroni Specchio: Come capiamo ciò che fanno gli altri, Bollati Boringhieri (2008)
Giacomo Rizzolatti, Lisa Vozza, Nella mente degli altri: Neuroni specchio e comportamento sociale, Zanichelli (2008)
Giacomo Rizzolatti, Corrado Sinigaglia, So quel che fai: il cervello che agisce e i neuroni specchio , Raffaello Cortina Editore (2006)
Roberto Nicoletti, Anna M. Borghi, Il Controllo Motorio, Il Mulino (2007)
Richard A. Schmidt, Craig A. Wrisberg, Apprendimento Motorio e Prestazione, SOCIETA’ STAMPA SPORTIVA (2000) (2008 seconda ristampa)
Mario Gori, Mario Tanga, L’apprendimento motorio tra mente e cervello: le basi neurofisiologiche dell’azione, Calzetti e Mariucci (1996)
Paolo Raimondi, Ortelio Vincenzini, Teoria Metodologia e Didattica del Movimento umano: compensativo rieducativo preventivo, Margiacchi-Galeno Editrice (2006 seconda edizione)
Luigi Calabrese, L’apprendimento motorio tra i cinque e i dieci anni, Armando Editore (1974) (2001 settima ristampa)
94
Stefano Tamorri, Neuroscienze e Sport: psicologia dello sport, processi mentali dell’atleta, UTET (1999)
Jack H. Wilmore, David L. Costill, Fisiologia dell’ esercizio fisico e dello sport, Calzetti e Mariucci (2005 prima edizione italiana sulla terza americana)
Frederic H. Martini, Fondamenti di Anatomia e Fisiologia, EdiSES (2004 sesta edizione americana) (2006 seconda edizione italiana)
Paolo Legrenzi, La mente, Il Mulino (2002)
Edward T. Howley, B. Don Franks, Manuale per l’istruttore di fitness, Calzetti e Mariucci (2006)
Casey Conrad, Selling Personal Training, Il campo (2008)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...