Non aspettatevi il Ko ad ogni pugno

 

E ‘facile mettere in atto  combinazioni al sacco , ma a che serve se  in un combattimento queste combinazioni non possono andare a segno ?

Non si dovrebbe mai colpire l’avversario senza scopo a meno che, il vostro obiettivo è quello di diventare un attaccabrighe senza cervello. In questo articolo proverò a offrire  alcuni consigli essenziali su come atterrare in modo efficace .

Non aspettatevi il Ko ad  ogni pugno

Con un  un 1-2 , poi caricare il 2 e se si sta lanciando una combinazione di 4-colpi  aspetta di aver scagliato i primi 2… prima di caricare i seguenti.

E ‘davvero un gioco di numeri, quando sei di fronte un pugile altamente difensivo  che ha mani  e gambe veloci, diventa difficile trovare il bersaglio, ma nemmeno potremmo  pensare di trovare   il bersaglio se si usano solo  colpi singoli o doppi, dobbiamo usare delle combinazioni, delle finte .

Inoltre, l’aspettativa del ko sarà per noi una frustrazione .

Alla  maggior parte dei pugili si consiglia di tenere il centro del ring, a meno che non si tratta di Floyd Mayweather Jro James Toney, che prosperano  quando la schiena è contro le corde. In altri  casi, un pugile farà peggio quando sono in un angolo.

Se li si vede  che cercando di fare un’ uscita, si potrebbe tirare un gancio al  corpo nella direzione in cui si muovono seguito da un pugno dritto alla testa.

Il punto è quello di mantenere le combinazioni semplici in modo che ogni pugno fluisca naturalmente in seguito alla precedente.

La cosa più efficace è quello di concentrarvi e mettere forza solo  su 2, 3 o 4 combinazioni di colpi, puntando sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Ogni pugno deve avere un significato dietro di esso. .

Controllare la vostra potenza

Ogni volta che si scaglia  un pugno di potenza, si sta praticamente esponendo maggiormente . e si compromette leggermente l’equilibrio, imparate a modulare la potenza … come diceva  qualcuno…la potenza  è nulla senza controlloJ

La potenza in combinazioni dovrebbe essere in  ascensione, almeno se si vuole lanciare una combinazione con velocità effettiva e potenza . Quindi, in pratica, il primo pugno sarà il più leggero e l’ultimo pugno dovrebbe essere la più potente .

Questo metodo permette una progressione naturale di velocità, la potenza e la tempistica che altrimenti sarebbe difficile se si dovesse sferrare  ogni pugno a piena potenza.

La gestione della distanza svolge un ruolo fondamentale in se, In sostanza si deve chiudere il gap, entrare in campo d’ azione  e poi calcolare i colpi  che sono più efficaci a quella distanza .

Si può colpire l’avversario veloce e leggero per chiudere la distanza e poi seguire con una opportuna combinazione una volta che si è nel raggio d’azione.

Cominciare una combinazione con un colpo può aiutare i  pugni successivi, agendo come un bastone di misurazione, una guida laser o un inganno; tutti gli strumenti utili nei confronti di qualsiasi tipo di avversario .

Inutile dire che facendo la stessa cosa più e più volte porta alla prevedibilità, e il comportamento prevedibile nel corso di un incontro di boxe è l’appetito di ogni grande counterpuncher . Pertanto, è saggio mescolare di tanto in tanto l’inizio di combinazioni con pugni singoli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...