Corsa Boxe

Premessa: 

Ricordate che il corpo umano  è parte di un individuo unico, le mie risposte  non sono rivolte a un singolo individuo, è bene farsi seguire da un Tecnico preparato che conosca  la vostra persona .

La corsa nell’allenamento di un pugile può essere utile  in vari momenti della preparazione atletica:  per i un neofita quando ha bisogno di perdere peso, aumentare la capillarizzazione e la capacità aerobica .

In un pugile agonista quando vuole  trovare concentrazione  magari  usandola come sorta di training autogeno.

Un’altra precisazione  dobbiamo farla fra  pugili dilettanti e  professionisti i quali si allenano su distanze di gara ben distinte.

Corsa e “Fiato”

Bisogna  allenare Cuore e Polmoni, portare il battito cardiaco a determinate  pulsazioni per un certo periodo di tempo in base allo stato di preparazione fisica ed ai vari  parametri corporei determinati dallo stato di fitness, dall’età, sesso e tipo di performance.

Possiamo affermare che  la corsa   quindi  può esserci di aiuto in determinate situazioni, ma senza abusarne, il gesto atletico allenante deve essere il più vicino possibile al gesto di gara …

Pensi a  alla corsa tradizionale la  quale lavora sugli stimoli a “basse frequenze”  se proprio si vuole correre  facciamo degli scatti , flessioni, balzi ecc. in modo che il cuore non  raggiunga  una determinata  soglia e ci rimanga per tutto  il “tempo” …

Facendo questi “sbalzi “(in un Atleta Allenato)  Faremo si che  il cuore aumenti la sua gittata  cardiaca  e aumenti di dimensioni riducendo le pulsazioni a riposo e aumentando la quantità di sangue  nel corpo . Il cuore “da atleta” può arrivare a pesare quasi il doppio di un soggetto sedentario, quindi una diminuzione della sua frequenza e maggiore economia del lavoro cardiaco a parità di carico.

Perché non fare fiato  partendo dallo sparring condizionato (dove abbiamo un oppositore insieme al quale ricreiamo  il gesto di gara), in più grazie al controllo dei movimenti  il rischio di infortuni si riduce in maniera sensibile e gli schemi motori vengono registrati automatismi  fino ad arrivare ad automazioni  il quale reputo sia il migor gesto atto a questo scopo, si può usare il  sacco per l’allenamento ad intervalli . L’allenamento ad intervalli svolge un’azione intensa sui cambiamenti dei parametri cardiaci , nella fase di carico grazie al lavoro pressorio si produce un ipertrofia del miocardio; nella fase di recupero, attraverso il lavoro cosiddetto di volume si produce una dilatazione delle cavità cardiache.

Queste sono le ragioni per cui si ottiene con il metodo ad intervalli un rapido aumento dei parametri funzionali del cuore, un effetto positivo sul V2Max e quindi sulla resistenza. In più andremo a migliorare anche le capacità anerobiche e lavoreremo su “alte frequenze” quelle in cui nel pugilato abbiamo maggiormente bisogno .

 

 

Le Slow Twitch (ST). conosciute anche come fibre rosse o lente, in genere possiedono un elevato livello di resistenza

aerobica. Lavorare in regime aerobico significa come è noto operare “in presenza e con consumo di ossigeno” : l’ossidazione

 

quindi è un processo aerobico. Le fibre ST sono molto efficienti nella produzione di ATP (indispensabile per rendere disponibile l’energia necessaria alla contrazione e al rilasciamento della fibra muscolare)

 

durante prestazioni di resistenza a bassa intensità e durante la maggior parte dell’attività giornaliere, ovvero nelle attività che richiedono uno scarso impegno tensivo muscolare nella produzione delle varie espressioni di forza.

 

La capacità di mantenere l’attività muscolare per un periodo prolungato di tempo è denominata “resistenza muscolare

 

Queste fibre muscolari vengono supportate dalla loro produzione di energia derivante dal metabolismo aerobico

 

Occorre comunque prestare la massima attenzione alla quantità di lavoro svolto

 

Quando per perdere peso le modalità operative prevedono solamente un tipo di lavoro aerobico e quindi la stimolazione nervosa delle fibre lente, per contro le fibre bianche non riceveranno più gli stimoli adatti per una contrazione muscolare che ha caratteristiche strutturali e funzionali ben diverse e che richiedono un impegno maggiore del sistema nervoso centrale e periferico. È forte in questo caso il rischio di ridurre fortemente o peggio ancora di perdere la funzionalità delle fibre bianche stesse !

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...