livello massimo di abilità che un pugile

12265722_913320678715838_6066075544708983164_o

Il livello massimo di abilità che un pugile può raggiungere dipende dalle capacità, geneticamente ereditate, e dal livello qualitativo delle esperienze motorie vissute. Ipoteticamente è possibile che presi due soggetti, di cui uno con delle capacità motorie inferiori all’altro, il primo potrebbe raggiungere livelli espressivi più apprezzabili grazie ad una maggior dedizione e ad una più ricca esposizione ad esperienze motorie significative

Durante la prima fase, in cui la progressione si basa su prove ed errori, la criticità maggiore è quella di stabilire un collegamento tra gli input percettivi ed i relativi comandi motori.

E’ in questo stadio che il soggetto deve essere correttamente focalizzato sugli input sensoriali fondamentali per l’esecuzione del movimento.

Essendo l’associazione tra sensazioni e comandi motori arbitraria il ruolo dei processi attentivi  potrebbe  diviene predominante in questa prima fase in queste prime esperienze motorie gli stimoli sensoriali passano dalla memoria sensoriale alla memoria di lavoro per essere tradotti nei corretti output motori (Deiber et al, 1997).

La continua ripetizione del movimento permette di rafforzare la mappasensori-motoria e di archiviarla nella memoria a lungo termine. Un recente studio (Hofer et al., 2008) ha dimostrato che l’apprendimento procedurale, di cui quello motorio rappresenta una manifestazione, viene mantenuto in memoria a lungo termine anche se non utilizzato per moltissimo tempo. Le connessioni sinaptiche divengono “dormienti” e riattivate quando si decide di richiamare il relativo programma motorio

La forza ed efficacia dell’esposizione visiva è alla base dell’apprendimento per imitazione  sembra avere una base innata.

La ricerca ha chiarito in modo esauriente e convincente che l’informazione per essere elaborata coscientemente deve passare il filtro dell’attenzione.Alcuni studi (Howard et al., 1992; Heyes e Foster, 2002) mostrano come la semplice osservazione di un altro individuo che sta apprendendo il compito , conduca ad un apprendimento da parte dell’osservatore Questo tipo di situazione si riscontra molto spesso nella pratica sportiva, ad esempio l’informazione uditiva è molto importante nell’apprendimento delle azioni motorio. Un esempio emblematico è rappresentato dai  “suoni ” emessi in alcuni casi da pugili  prima del coplo . Recentemente è stato dimostrato (Kohler et al., 2002) che i neuroni mirror si attivano anche durante la percezione del suono emesso nel compiere una certa azione.praticamente udire il suono prodotto da una determinata azione attiva i neuroni mirror corrispondenti alla sua esecuzione.

 

BIBLIOGRAFIA
Marco Iacoboni, I Neuroni Specchio: Come capiamo ciò che fanno gli altri, Bollati Boringhieri (2008)
Giacomo Rizzolatti, Lisa Vozza, Nella mente degli altri: Neuroni specchio e comportamento sociale, Zanichelli (2008)
Giacomo Rizzolatti, Corrado Sinigaglia, So quel che fai: il cervello che agisce e i neuroni specchio , Raffaello Cortina Editore (2006)
Roberto Nicoletti, Anna M. Borghi, Il Controllo Motorio, Il Mulino (2007)
Richard A. Schmidt, Craig A. Wrisberg, Apprendimento Motorio e Prestazione, SOCIETA’ STAMPA SPORTIVA (2000) (2008 seconda ristampa)
Mario Gori, Mario Tanga, L’apprendimento motorio tra mente e cervello: le basi neurofisiologiche dell’azione, Calzetti e Mariucci (1996)
Paolo Raimondi, Ortelio Vincenzini, Teoria Metodologia e Didattica del Movimento umano: compensativo rieducativo preventivo, Margiacchi-Galeno Editrice (2006 seconda edizione)
Luigi Calabrese, L’apprendimento motorio tra i cinque e i dieci anni, Armando Editore (1974) (2001 settima ristampa)
94
Stefano Tamorri, Neuroscienze e Sport: psicologia dello sport, processi mentali dell’atleta, UTET (1999)
Jack H. Wilmore, David L. Costill, Fisiologia dell’ esercizio fisico e dello sport, Calzetti e Mariucci (2005 prima edizione italiana sulla terza americana)
Frederic H. Martini, Fondamenti di Anatomia e Fisiologia, EdiSES (2004 sesta edizione americana) (2006 seconda edizione italiana)
Paolo Legrenzi, La mente, Il Mulino (2002)
Edward T. Howley, B. Don Franks, Manuale per l’istruttore di fitness, Calzetti e Mariucci (2006)
Casey Conrad, Selling Personal Training, Il campo (2008)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...